Cenni storici
sull'esercito sabaudo
del 18° secolo


I reparti militari

Nel diciottesimo secolo i reparti dell'esercito sardo comprendevano:

  • la casa militare di Sua Maestà, che includeva le Guardie del Corpo, gli Archibugieri Guardie della Porta, le Guardie Svizzere e altri reparti minori;
  • i reggimenti di fanteria di ordinanza nazionale;
  • i reggimenti di fanteria di ordinanza provinciale;
  • altri corpi nazionali appiedati, tra cui il battaglione (poi reggimento) di artiglieria;
  • i reggimenti di fanteria straniera (svizzeri, alemanni, italiani, misti);
  • i reggimenti di cavalleria, divisi in cavalleria propriamente detta e dragoni;
  • altri corpi.

Le Guardie del Corpo di S.M.

I reparti della Real Casa, addetti ai servizi d'onore presso il sovrano e la sua famiglia, erano considerati come corpi sedentari, nei quali i soldati che si erano maggiormente distinti nell'esercito potevano terminare la carriera.

Le Guardie del Corpo invece erano considerate parte integrante dell'esercito e costituivano l'élite della cavalleria sarda. Il reparto era costituito da uno Stato Maggiore e da tre compagnie (organizzazione che ne indicava l'origine seicentesca), per un totale di 230 uomini. La nascita nobile era tassativa solo per gli ufficiali.

La prima compagnia era denominata di gentiluomini arceri ed era composta da savoiardi, la seconda da piemontesi. La terza compagnia, formata a Palermo nella primavera del 1714, era costituita da nobili siciliani, ma divenne mista, sarda e piemontese, dopo lo scambio della Sicilia con la Sardegna (anche se per molto tempo molti ufficiali e guardie rimasero siciliani).


La fanteria


Nel 1747, sotto Carlo Emanuele III, la fanteria era costituita da trentadue reggimenti, per un totale di 55 battaglioni. Diciotto erano i reggimenti sardi (otto di ordinanza nazionale e dieci provinciali), che comprendevano 25 battaglioni, mentre quattordici erano i reggimenti di fanteria straniera, comprendenti 30 battaglioni.

I reggimenti di ordinanza erano su due battaglioni, tranne il reggimento La Regina che ne comprendeva uno solo; anche i reggimenti provinciali erano su un solo battaglione. Ogni battaglione era formato da nove compagnie di fucilieri e da una di granatieri, per un totale di 700-800 uomini.

La fanteria nazionale era costituita (tranne eccezioni autorizzate dal sovrano) solo da sudditi del regno: volontari, nel caso dei reggimenti d'ordinanza, e personale di leva, nel caso dei reggimenti provinciali.

La fanteria straniera comprendeva sei reggimenti svizzeri, quattro reggimenti italiani, tre alemanni e uno misto, composto da militari di diverse nazionalità (tedeschi, svizzeri, olandesi, irlandesi, francesi). Una particolarità dei reggimenti stranieri era di portare il nome del colonnello proprietario: cambiavano quindi sovente di nome, pur conservando in genere anzianità, bandiera e uniforme.

Nel 1751 la fanteria nazionale fu riorganizzata su nove reggimenti, di cui sei (Guardie, Savoia, Monferrato, Piemonte, Saluzzo, Fucilieri) su due battaglioni, ciascuno su nove compagnie fucilieri e una compagnia granatieri. Gli altri tre reggimenti erano su un solo battaglione su dieci compagnie (di cui una di granatieri). I battaglioni di fanteria nazionale restarono quindi 15 come nella precedente organizzazione.

Dei dodici reggimenti di fanteria provinciale, i due costituiti nel 1751 (Novara e Tortona) rimasero a lungo solo sulla carta; gli altri comprendevano un solo battaglione di 8 compagnie.

Per quanto riguarda i reggimenti di fanteria straniera, uno (Sardegna) passò alla fanteria d'ordinanza nazionale, cinque furono sciolti (Sicilia, Lombardia, Corsica, Keller e Baden). I restanti otto (uno misto, due alemanni, cinque svizzeri) comprendevano in tutto sedici battaglioni.

Nel 1773 a Carlo Emanuele III succedeva il figlio Vittorio Amedeo III, che l'anno seguente riorganizzava profondamente l'esercito. In seguito al riordinamento del 1774 la fanteria di ordinanza comprendeva quattordici reggimenti, nove nazionali, tre svizzeri, uno tedesco e uno misto. Ogni reggimento era composto dallo Stato Maggiore, dal piccolo Stato Maggiore e da tre battaglioni, ciascuno su quattro compagnie fucilieri; il reggimento contava anche due compagnie granatieri.

Facevano eccezione:

-i reggimenti La Marina e La Regina, con un solo battaglione su sei compagnie fucilieri e una compagnia granatieri;
-il reggimento di Sardegna, su un solo battaglione composto da cinque compagnie fucilieri e una granatieri;
-il reggimento Grigioni, costituito da due battaglioni di otto compagnie fucilieri ciascuno e da una compagnia granatieri.

La fanteria provinciale era costituita da dodici reggimenti (su un solo battaglione) che continuavano a prendere il nome della provincia in cui erano reclutati. I reggimenti provinciali contavano quattro compagnie di fucilieri, una di granatieri e una di volontari.

Le gravi difficoltà economiche che affliggevano l'esercito sardo costrinsero il re a una nuova riforma nel 1786. Fu ridotto l'organico dei reggimenti di ordinanza: i reggimenti su tre battaglioni passarono a due, ognuno sempre su quattro compagnie fucilieri; furono mantenute le due compagnie granatieri e vennero create due nuove compagnie, la compagnia cacciatori e quella di riserva. Con i terzi battaglioni eccedenti e con truppe di nuova leva furono completati i reggimenti La Marina, La Regina e Sardegna e fu costituito il reggimento Lombardia. I reparti provinciali aumentarono a quattordici, con la costituzione dei reggimenti Acqui e Susa; in totale la fanteria nazionale schierava 48 battaglioni. I reggimenti stranieri Bernese e Grigione mantennero tre battaglioni, mentre il Vallesano, il Real Alemanno e il Chiablese ne ebbbero due ciascuno, per un totale di 12 battaglioni esteri.

All'inizio del 1793 tutti i reggimenti d'ordinanza nazionali ed esteri ebbero un organico di 1.385 uomini, ufficiali compresi. Nello stesso periodo vennero arruolati tre nuovi reggimenti svizzeri, Bachmann, Zimmermann e Peyer-Imhof. Il reggimento Chiablese, per le difficoltà di reclutamento all'estero, dovette arruolare elementi nazionali e pertanto perse le caratteristiche di corpo straniero. Con le truppe provenienti dal disciolto battaglione delle Fregate fu costituito un nuovo reparto, diventato reggimento di fanteria di ordinanza nel 1793 con il nome di Nuova Marina, cambiato poi in Oneglia.

L'armistizio del 1796 obbligò il re a ridurre la forza dell'esercito: l'organico di tutti i reggimenti (tranne quello delle Guardie, che rimase su 1.500 uomini) fu contratto a 1.156 uomini. Nello stesso anno ci fu una successiva riduzione di organici e il reggimento Chiablese fu ridenominato Alessandria.

Nel 1798 furono sciolti dal giuramento di fedeltà i reggimenti nazionali Guardie, Savoia, Monferrato, Piemonte, Saluzzo, Aosta, La Marina, La Regina e Alessandria e i reggimenti stranieri Ernst (bernese), Beeli (grisone) e Bellmont (vallesano). Restò in servizio in Sardegna il reggimento di fanteria nazionale omonimo.



La cavalleria

Nel 1747 la cavalleria propriamente detta era costituita dai reggimenti Piemonte Reale Cavalleria e Savoia Cavalleria: in tempo di pace ogni reggimento comprendeva quattro squadroni (cinque in tempo di guerra), ciascuno composto da due compagnie: in totale 650 uomini per reggimento.

I reggimenti di dragoni erano quattro, con il medesimo organico dei reggimenti di cavalleria: Dragoni di Sua Maestà, Dragoni di SAR o del Genevese, Dragoni di Piemonte e Dragoni della Regina. Un quinto reggimento, i Dragoni di Sardegna, su tre sole compagnie, era stanziato nell'isola con incarichi di polizia. Nei reggimenti di dragoni di terraferma una delle compagnie era di granatieri, mentre una delle compagnie dei reggimenti di cavalleria era di carabinieri.

La ristrutturazione del 1774 modificò totalmente questa situazione. Ognuno dei sei reggimenti perse due compagnie, mentre le otto compagnie rimanenti furono riunite in quattro squadroni. L'organico dello squadrone è fissato in 92 uomini e 75 cavalli.

Con le dodici compagnie eccedenti si formarono due nuovi reggimenti, ognuno su tre squadroni di due compagnie:

- Aosta Cavalleria (con compagnie di Savoia, Piemonte Reale e Dragoni di SM),
- Dragoni del Chiablese (con compagnie di Dragoni di Piemonte, Dragoni di SAR e Dragoni della Regina).

Contestualmente i Dragoni di SAR assunsero la denominazione di Reggimento Cavalli Leggeri di SM, transitando nella cavalleria propriamente detta. Al termine della ristrutturazione dunque la cavalleria contava su otto reggimenti, quattro di cavalleria e quattro di dragoni, più i Dragoni di Sardegna.

Nel 1778 fu formato il 4° squadrone anche per l'Aosta Cavalleria e i Dragoni del Chiablese, mentre i Dragoni di Sardegna, di stanza nell'isola, passarono da due a quattro compagnie riunite in due squadroni.

Con l'armistizio del 1796 anche i reparti di cavalleria furono ridotti d'organico: furono soppressi i reggimenti Aosta Cavalleria, Dragoni del Chiablese e Dragoni di Sardegna e i loro effettivi furono ripartiti tra gli altri reparti.

Nel 1798 furono sciolti dal giuramento di fedeltà i reggimenti Savoia e Piemonte Reale Cavalleria, Cavalleggeri di SM, Dragoni di Piemonte, Dragoni di SM e Dragoni della Regina. Con gli effettivi rientrati dalle campagne di guerra 1792-1796 furono ricostituiti i Dragoni di Sardegna, di stanza nell'isola.



L'artiglieria

Fino al 1774, il reggimento di artiglieria era considerato parte delle truppe di fanteria. In seguito a questa ristrutturazione il reparto assunse la denominazione ufficiale di Corpo Reale di Artiglieria, costituito dalla riunione di due enti prima separati, il Corpo Reale propriamente detto e il Corpo dell'Artiglieria dei Battaglioni. Il primo comprendeva, oltre allo Stato Maggiore, tre battaglioni ciascuno su quattro compagnie, incluse quattro compagnie di specialisti (bombisti, zappatori, minatori, maestranza).



Bandiere e stendardi

La bandiera serviva a distinguere sia il reparto sia l'esercito di appartenenza. Fin oltre la metà del 1600, i reggimenti di fanteria avevano in dotazione una bandiera per compagnia, che portava le insegne proprie del capitano comandante. La bandiera della compagnia il cui proprietario era il colonnello comandante del reggimento, quindi la bandiera più importante, era detta "bandiera colonnella", mentre le altre erano chiamate bandiere di compagnia o "ordinanze".

Con la creazione nel 1664 dei reggimenti di proprietà del Duca di Savoia, e la definitiva costituzione dei battaglioni, fu deciso che la bandiera principale, la "colonnella", portasse le armi ducali, mentre il reggimento doveva avere una propria ordinanza, che seguiva un modello comune a tutta la fanteria. Fino al 1736 comunque l'iconografia dell'esercito sardo è praticamente inesistente e le bandiere antecedenti a questa data sono ricostruibili con approssimazione, sulla base di rari documenti, spesso di provenienza estera. Alcune di queste bandiere, degli anni dal 1673 al 1730, sono riportate nelle pagine relative al periodo da Carlo Emanuele I a Vittorio Amedeo II .

Sotto Carlo Emanuele III, nel 1735 venne proibito ai colonnelli comandanti di indicare qualunque propria "impresa" sulle bandiere colonnelle. Su queste doveva comparire solo l'Arme di Sua Maestà su fondo turchino, ossia la grande aquila nera di Savoia antica, sormontata dalla corona reale foderata di rosso. L'aquila aveva in petto l'arma di Savoia moderna, di rosso alla croce d'argento. Questo modello di colonnella era adottato da tutti i reggimenti, incluse le fanterie straniere e l'artiglieria. Faceva eccezione la colonnella del reggimento Guardie. Poichè il re era il colonnello comandante onorario del reggimento, la bandiera colonnella delle Guardie portava la Grande Arme del Regno di Sardegna su fondo turchino.
colonnella del
reggimento Guardie
(modello 1736)

ordinanza del
reggimento fanteria
Piemonte
ordinanza del
reggimento fanteria
Diesbach
Le bandiere di ordinanza avevano come base l'arma di Savoia moderna; erano quindi generalmente rosse, attraversate da una grande croce bianca che divideva la bandiera in quattro cantoni.

Le ordinanze erano ornate con fiamme, festoni ondeggianti e bordi di vari colori, disposti in modo diverso per i vari reggimenti.

Tutti i reggimenti nazionali e molti dei reggimenti stranieri portavano nel primo quarto la propria arma, cioè lo stemma della provincia o del colonnello. Spesso i reggimenti svizzeri avevano lo stemma del cantone dove il reggimento era reclutato.

Ogni battaglione nazionale e straniero aveva in dotazione due bandiere. I primi battaglioni portavano una colonnella e un'ordinanza; ciascuno dei successivi, se esistenti, aveva due bandiere di ordinanza.

A titolo di curiosità, si riporta a destra l'arma della famiglia von Diesbach, i cui colori nero e oro sono ripresi nell'ordinanza del reggimento.

A differenza delle bandiere di fanteria, che erano dipinte (con l'eccezione delle bandiere del reggimento Guardie), gli stendardi in dotazione alle Guardie del Corpo e ai reggimenti di cavalleria erano ricamati e costituiti da due teli di seta pesante, recto e verso, cuciti tra loro. Gli stendardi, piccoli e quadrati, erano ornati con una frangia d'oro.

Anche le cornette dei reggimenti di dragoni erano piccole e quadrate, ma terminavano con due punte, a forma di coda di rondine. Ai reggimenti di cavalli leggeri, al momento della loro costituzione, sarà assegnata una fiamma a forma pentagonale.

Savoia Cavalleria
(recto stendardo colonnello)

Dragoni di SAR
(verso cornetta colonnella)
Dragoni di Piemonte
(verso cornetta di ordinanza)
Lo stendardo o la cornetta colonnella in dotazione al primo squadrone erano a fondo turchino e recavano al recto (endroit) la Grande Arme del Regno e al verso (renvers) l'impresa del reggimento.

Ciascuno degli altri squadroni aveva uno stendardo o una cornetta d'ordinanza, con le medesime arme e imprese, ma su fondo rosso.

Sembra che le cornette dei dragoni fossero originariamente tutte di color rosso; con Carlo Emanuele III però anche i reggimenti di dragoni ebbero colonnelle turchine e ordinanze rosse.

I Dragoni di Sardegna, su tre sole compagnie, disponevano di una cornetta colonnella e di una d'ordinanza.

Le tre compagnie di Guardie del Corpo, considerate a tutti gli effetti reparti di cavalleria pesante, avevano insegne simili a quelle di Piemonte Reale e Savoia, in damasco turchino con frangia e ricami d'oro. Ognuna aveva il recto e il verso ornato da un'impresa e da un motto diverso.

Guardie del Corpo
(recto stendardo 1ª compagnia)

Guardie del Corpo
(verso stendardo 2ª compagnia)


La ristrutturazione di Vittorio Amedeo III del 1774 toccò profondamente anche bandiere e stendardi introdotti alcuni decenni prima da Carlo Emanuele III. I vecchi modelli, diversi da reggimento a reggimento, furono sostituiti da altri, uniformi nel disegno e negli ornamenti, ma differenziati dai colori e dagli stemmi. Ogni reggimento di fanteria continuò ad avere una bandiera colonnella e una di ordinanza assegnate al primo battaglione, e una sola ordinanza per ciascuno dei restanti battaglioni.

Le bandiere colonnelle avevano il drappo contornato da una cornice turchina seminata di nodi di Salomone d'oro alternati a rosette bianche con disco centrale rosso. La cornice era profilata esternamente e internamente in oro o argento (secondo i bottoni della divisa del reparto). Il campo della bandiera era diviso in quattro cantoni da una croce bianca: il primo e quarto erano sempre turchini (come il giustacorpo), mentre il secondo e terzo erano del colore assegnato alle matelotte. Dagli angoli della cornice nascevano delle fiamme, profilate come la cornice. Al centro della croce compariva una grande aquila nera al volo abbassato, con le penne rilevate in oro, imbeccata e rostrata d'oro e linguata di rosso.
reggimento fanteria
Aosta

reggimento fanteria
Savoia
L'aquila era caricata di uno scudo barocco d'oro, inquartato: al 1° e 4° di Savoia antica caricata in petto di Savoia moderna, al 2° e 3° l'arma della provincia o città. Facevano eccezione il reggimento Guardie, sul cui scudo erano raffigurate le Grandi Armi del Regno; il reggimento Savoia, sul cui scudo era raffigurato lo stemma di Savoia moderna; il Corpo Reale di Artiglieria, il cui scudo era quello del reggimento Savoia, situato sopra due cannoni d'oro decussati, con le bocche vomitanti fiamme.
Corpo Reale
di Artiglieria

reggimento fanteria
svizzero Bernese
Per i reggimenti svizzeri (il cui scudo centrale era simile a quello di Savoia) compariva nel primo quarto uno scudo contornato da rami di palma, sul quale era raffigurato lo stemma del cantone o del principato.

Le bandiere dei reggimenti provinciali erano uguali a quelle descritte sopra, ma in più avevano piccole fiamme senza profilatura sovrapposte alle grandi fiamme; il colore delle fiammelle era lo stesso del campo in cui comparivano.

reggimento fanteria
Torino

Le bandiere di ordinanza invece avevano il drappo contornato da una cornice bianca profilata d'oro o d'argento come la colonnella, attraversata da una fascia ondulata turchina. La bandiera era ornata dalla croce bianca, con al centro uno scudo barocco d'oro, contenente lo stemma della città o provincia.


reggimento fanteria
Saluzzo
Lo scudo era sormontato da una corona variabile secondo la dignità concessa alla città o provincia. Il colore dei quarti e delle fiamme erano uguali a quelli della colonnella, ma le fiamme, più ondulate, partivano dagli angoli della croce.

Per i reggimenti provinciali, alle grandi fiamme si sovrapponevano fiammelle non profilate, del colore del campo, come sulle bandiere colonnelle.

reggimento fanteria
Casale

Anche per i reggimenti di cavalleria, la ristrutturazione del 1774 modificò le insegne precedenti, introducendone altre uniformi per disegno e ornamenti. In questo caso però molti reparti conservarono più a lungo le vecchie insegne, sostituendole progressivamente, man mano che gli stendardi e le cornette di quarant'anni prima si usuravano.


Piemonte Reale Cavalleria
(stendardo colonnello)
I nuovi stendardi prescritti erano identici, tranne le minori dimensioni, a quelli adottati per la fanteria d'ordinanza; erano inoltre guarniti su tre lati di frange miste argento (o oro) e turchine. Lo stendardo fu adottato dal neocostituito reggimento Aosta cavalleria fin dal 1774, mentre i reggimenti Piemonte Reale e Savoia lo adottarono solamente alla fine degli anni Ottanta.
Aosta Cavalleria
(stendardo di ordinanza)

1ª compagnia
Pure gli stendardi delle Guardie del Corpo restarono invariati almeno fino al 1782. In quell'anno le tre compagnie ricevettero stendardi di cavalleria del nuovo modello, uno colonnello e due di ordinanza. Le insegne avevano frangia oro e turchina e profilature d'oro. Il primo e quarto campo erano turchini con fiamme rosse, gli altri due rossi con fiamme turchine.
3ª compagnia

I Cavalleggieri di SM (già Dragoni di SAR) adottarono fiamme pentagone aventi lo stesso disegno degli stendardi di cavalleria, con i propri colori e le Grandi Armi del Regno nello scudo.

Cavalleggieri di SM
(stendardo colonnello)
Anche i reggimenti di dragoni adottarono progressivamente, iniziando dal neocostituito reggimento Dragoni del Chiablese, nuove cornette con la forma simile a quella delle vecchie insegne. Gli ornamenti riproducevano quelli delle bandiere di fanteria e lo stemma era quello proprio del reparto.
Dragoni della Regina
(stendardo colonnello)

Come già detto, fino alla riforma del 1786 ogni reggimento di ordinanza nazionale aveva avuto una bandiera colonnella e una bandiera di ordinanza per il primo battaglione e tante ordinanze quante erano i restanti battaglioni.


La riduzione degli organici consentì di ripristinare l'antica consuetudine che assegnava due ordinanze a ciascuno dei battaglioni successivi al primo, ferme restando la colonnella e l'ordinanza del primo battaglione.

Le bandiere modello 1786 sono sostanzialmente uguali a quelle del 1774, a parte le fiamme assai meno ondeggianti, le filettature più sottili e una diversa forma del nastro della cornice. Lo scudo della bandiera d'ordinanza è inoltre di forma diversa.
reggimento fanteria
Monferrato
reggimento fanteria
Grigioni


Inizio
Cenni storici e bandiere da Carlo Emanuele I (1580-1630) a Vittorio Amedeo II (1675-1730)
Le bandiere di Carlo Emanuele III (1730-1773)
Le bandiere di Vittorio Amedeo III (1773-1796)
Le uniformi da Vittorio Amedeo II a Carlo Emanuele III
Le uniformi di Vittorio Amedeo III
Cenni sull'Armata Sarda e bandiere da Carlo Emanuele IV (1796-1802) a Carlo Alberto (1831-1849)
Le uniformi da Carlo Emanuele IV a Carlo Alberto
Elenco dei reggimenti nazionali fino al 1849
Breve storia delle truppe svizzere al servizio sabaudo
Elenco dei reggimenti alemanni, francesi, misti e religionari al servizio sabaudo


Ultimo aggiornamento 4 Gennaio 2017
Creato e mantenuto da Federico Bona
Copyright © 2001-2017 Federico Bona